instagram
twitter
whatsapp

Newsletter

euroeconomie (10)
euroeconomie2

Stay updated on all the news from euroeconomie.it

[20/07/2024 14:46] ECB leaves key interest rates unchanged[20/07/2024 11:12] The two presidents Von der Leyen and Metsola re-elected at the top of the Eu institutions[17/07/2024 20:17] Les résultats surprenants des élections françaises. Quel sera l’impact sur la gouvernance de l’économie[13/07/2024 10:14] "Europa tra presente e futuro": il nuovo libro della Treccani, curato da Amato e Verola[06/07/2024 09:12] The Labour Party wins the UK elections by a landslide. Starmer Prime Minister. Reeves new Chancellor of the Exchequer[28/06/2024 08:37] EU summit nominates von der Leyen for second term as Commission President[24/06/2024 20:27] The first Eurogroup after the European elections[15/06/2024 19:10] The economic themes of the G7 Summit in Italy[15/06/2024 10:24] From the European elections a call for greater integration and not the opposite[14/06/2024 07:38] EU to impose additional tariffs of up to 38% on Chinese EVs[07/06/2024 17:24] ECB cuts key rate by quarter point[25/05/2024 12:14] Macron to meet German president in first state visit in 24 years[25/05/2024 11:09] G7 finance summit seeking unity on China and Ukraine[21/05/2024 16:43] The EU Council has definitively approved the AI Act: the world's first law on technology[17/05/2024 08:49] Spring 2024 Economic Forecast: A gradual expansion[10/05/2024 07:34] Happy Europe Day 2024[08/05/2024 19:07] Macron press China's Xi on fair trade at Paris summit[24/04/2024 08:13] European Parliament adopts fiscal rules reform[17/04/2024 21:30] Draghi's reports on Eu competitiveness and Letta on the single market will outline the Eu economic debate[16/04/2024 16:54] MEPs approve reforms to the EU electricity market[16/04/2024 16:45] Parliament adopts reform of the EU gas market[15/04/2024 16:23] Ecofin, Gentiloni: The debt will fall, do not reduce public investments[11/04/2024 15:12] ECB holds rates at record highs, signals upcoming cut[10/04/2024 22:18] Gentiloni: we need to transform the Recovery and Resilience Facility into a permanent resource[07/04/2024 12:06] EU-US: the sixth ministerial meeting of the Trade and Technology Council[04/04/2024 18:50] L'Europa rigenerata dall'economia civile. Il dibattito promosso da Next a Roma[04/04/2024 15:59] I 75 anni della NATO. Stoltenberg : servono 100 miliardi di dollari per Kiev[02/04/2024 21:22] Al via l'ingresso di Bulgaria e Romania nella area Schengen[25/03/2024 22:13] Lagarde ai leader Ue, 'l'inflazione calerà ancora'[25/03/2024 21:51] La Commissione UE innalzerà i dazi sulle auto elettriche prodotte in Cina importate nell'UE[25/03/2024 17:51] Consiglio europeo di marzo: confronto sulle risorse per accrescere le spese militari[25/03/2024 16:57] Gli scenari dei rapporti economici tra UE e Cina. Intervista all'Avvocato Marazzi[13/03/2024 06:33] Eurogroup: Stability Pact rules to be introduced by 2024[06/03/2024 15:02] Western Balkans: six billion euros from the EU for economic convergence[06/03/2024 06:32] CRSD Directive: the need to insist on an EU production system aligned with virtuous models of sustainable development
euroeconomie4

Jacques Delors. L'idea e la visione di un'Europa sociale. Conversazione con Antonio Foccillo

13/01/2024 17:02

Euroeconomie

Euroeconomies, Macros/Scenarios, Economic culture, economia europea, Alessandro Mauriello, antonio foccillo, Jacques Delors, europa sociale, politica euroepa, europea, Foccillo dirigente Uil, Foccillo professore a Foggia ,

Jacques Delors. L'idea e la visione di un'Europa sociale. Conversazione con Antonio Foccillo

Delors aveva idee diverse da quelle prospettate negli anni dell'austerity espansiva. Servono politiche per coniugare tecnologia, welfare ed eguaglianza

Conversiamo con il professor Antonio Foccillo
Docente in Diritto del lavoro presso Università di Foggia, e dirigente sindacale.

a cura di Alessandro Mauriello per Euroeconomie

 

In questi giorni è venuto a mancare uno dei padri fondatori dell’Europa del Mercato unico, Jacques Delors, già presidente della Commissione UE e regista delle riforme Ue, come ben descrive Enrico Letta, presidente dell’Istituto che porta il suo nome a Bruxelles: “un progetto di riforme di lungo periodo che poggi su concorrenza, cooperazione e solidarietà”. Gentile professor Foccillo, lei, in tanti suoi saggi, si è occupato delle politiche neo liberiste e mercatiste applicate nelle policies inerenti il processo comunitario.


Ci può descrivere la figura chiave di Delors, appena scomparso per tale processo?
Nel quadro europeo la figura di Delors ha significato l’idea e la visione di una Europa sociale, ancorata in modo forte all’idea del Modello Sociale Europeo, insomma una idea diversa da quella finora conosciuta, prospettata negli ultimi anni da questa classe dirigente europea, dell’austerity espansiva.
Progettata su tesi di sviluppo economico tese a ridurre lo stato (Scuola di Chicago e Ordo Liberismo), il welfare come patto sociale di sviluppo, a non pianificare e implementare politiche di sviluppo macroeconomiche.
Tale visione riprende il concetto di “riduzione dei costi dello stato sociale”, della necessità urgente di tagliare pensioni e spesa sanitaria, oltre che ridimensionare la spesa pubblica, intervenendo con drastiche
misure nel pubblico impiego, con evidenti deficit in termini di progettazione del sistema paese, guardiamo alla mancanza di competenze per la gestione del PNRR.
Se smantelliamo il nostro sistema pubblico, e il nostro welfare europeo cosa rimane del sistema paese, dei sistemi produttivi inseriti nella comunità/unione europea. Come comunità non solo economica, ma politica.


Che ruolo avrà il Sindacato europeo ?
Qui inserisco l’esperienza che feci come responsabile Uil nazionale delle questioni europee, e lì conobbi Delors, la sua capacità di confronto e di attenzione alle questioni sociali.
In vari Congressi Ces il Sindacato Europeo, e in altri occasioni seminariali in quella fase in cui Delors era a capo della Commissione Europea si avviò una forte discussione sull’Europa sociale, sul tentativo di connessione tra egualitarismo e libertà, tra ammodernamento del welfare pubblico e formazione permanente dei lavoratori con elementi importanti per i corpi intermedi come:
• Dialogo sociale
• Contrattazione sovra nazionale
• Partecipazione
Protagonisti di questa fase furono nel Sindacato Emilio Gabaglio, Bruno Trentin, Tonino Lettieri, dirigenti di primo piano delle loro organizzazioni, che agivano sempre nell’interesse generale .

 

Come coniugare innovazione tecnologica welfare ed eguaglianza?
Le parole chiavi dovranno essere Conoscere per Controllare poi Decidere, il metodo utilizzato da Mitterand, Fabius e Rocard del PS francese per avviare una fase di sviluppo importante e di riforme nella
Francia di allora.
Cosi dobbiamo ritornare alla politica, alla buona politica che metta al centro dell’economia sostenibile:
• La Persona
• La Formazione
• La Mobilità
• La lotta alle nuove Disuguaglianze
• Regolazione sulle nuove tecnologie come Intelligenza Artificiale Generativa ecc.
• Sanità
• Una nuova politica di coesione e fondi Ue


Nello scenario geo politico/economico quale sarà il ruolo dell’UE?
Nelle crisi geo politiche odierne deve ritornare con un nuovo ruolo di diplomazia internazionale, e un nuovo ruolo della diplomazia ambientale, sulla Transizione digitale e ecologica ci giochiamo il futuro del sistema globale.
Poi dobbiamo mettere mano subito ad una riforma della stabilizzazione fiscale nell'Unione scorporando gli investimenti, tornare ad un sviluppo economico descritto in esordio, una vera riforma delle istituzioni con un vero esecutivo e una vera politica estera comune.


instagram
twitter
whatsapp

@2021-2023 EUROECONOMIES

WEBSITE CREATED BY Q DIGITALY

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder